Omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali: responsabilità del datore

Il datore di lavoro che non versa le ritenute previdenziali e assistenzali risponde penalmente, salvo che paghi entro tre mesi dall'accertamento

Il datore di lavoro che non versa le ritenute assistenziali o previdenziali commette il reato previsto dall'articolo 2 del Decreto Legge del 12 settembre 1983, n. 463.

La punibilità tuttavia è esclusa se, entro tre mesi dalla contestazione, procede al pagamento di quanto dovuto.

Si tratta di una causa di non punibilità, prevista dall'articolo 2, comma 1-bis, del Decreto Legge del 12 settembre 1983, n. 463 ("il datore di lavoro non è punibile se provvede al versamento entro il termine di tre mesi dalla contestazione o dalla notifica dell'avvenuto accertamento della violazione").

Si è posta la questione dell'individuazione del dies a quo, ossia del momento  a partire dal quale decorrono i tre mesi per il pagamento, nel caso in cui l'ente previdenziale non abbia notificato al datore l'avviso di accertamento.

Sul punto è intervenuta la Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza del 24 novembre 2011, n. 1855, secondo cui,  in assenza di pregressa notifica dell'accertamento da parte dell'ente previdenziale, la citazione a giudizio comporta la decorrenza del termine per il versamento solo quando contenga tutti gli elementi essenziali dell'accertamento stesso.

In caso di mancata o parziale decorrenza del termine, il giudizio va rinviato per consentire all'imputato di effettuare il versamento

Leggi anche

  1. L'omesso versamento delle ritenute previdenziali da parte del datore di lavoro è reato solo qualora sia dimostrata l'effettiva corresponsione dello stipendio ai dipendenti

  2. E' nullo l'accertamento ematico se non è preceduto dall'avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore

  3. L'omesso versamento del mantenimento per i figli minori costituisce reato solo se questi restano privi dei mezzi di sussistenza (art. 570 del Codice penale)