Immigrazione

L’Avvocato Antonella Pedone si occupa di diritto dell’immigrazione dal 2008.

Fornisce assistenza legale agli stranieri per l’acquisto della cittadinanza italiana nonché per la domanda di visto di ingresso e permesso di soggiorno.

Lo Studio opera prevalentemente nei procedimenti dinanzi al TAR del Lazio e al Tribunale ordinario di Roma, dove è presente la sezione specializzata dell’immigrazione.

 

Cittadinanza italiana

In caso di rifiuto della cittadinanza italiana o di “silenzio” dell’Amministrazione entro i termini di legge, è possibile presentare ricorso al Tribunale competente in Italia.

Lo Studio si occupa anche dei ricorsi per l’acquisto della cittadinanza per discendenza in linea materna ante 1948: in questi casi, è possibile proporre ricorso senza attendere i tempi del procedimento amministrativo.

Visto di ingresso

Il visto di ingresso viene spesso rifiutato con motivazioni “standard”, redatte su prestampati e non adeguate al caso specifico.

Ad esempio:

  • non ha fornito una giustificazione riguardo allo scopo e alle condizioni del soggiorno previsto
  • non ha dimostrato di disporre dei mezzi di sussistenza sufficienti, sia per la durata prevista del soggiorno, sia per il ritorno nel Paese di origine o di residenza, ovvero non è in grado di ottenere legalmente detti mezzi
  • la sua intenzione di lasciare il territorio degli Stati membri prima della scadenza del visto non può essere stabilita con certezza
  • le informazioni fornite per giustificare lo scopo e le condizioni del soggiorno previsto non sono attendibili

Se tuttavia il richiedente ha dimostrato documentalmente di avere tutti i requisiti prescritti dalle leggi, il rifiuto del visto è illegittimo e può essere impugnato dinanzi al TAR del Lazio, entro 60 giorni dalla notifica (se si tratta di ricongiungimento familiare, è competente il Tribunale ordinario).

Permesso di soggiorno

Come per il visto di ingresso, anche il rifiuto del permesso di soggiorno può essere impugnato dinanzi al Tribunale competente.

Con il ricorso, è importante chiedere anche la sospensione del provvedimento di diniego. Se infatti lo straniero non ottiene la sospensione e non lascia il territorio nazionale entro 15 giorni, può ricevere un decreto di espulsione.

Il ricorso va proposto al TAR del luogo in cui ha sede la Questura che ha emanato il provvedimento, entro 60 giorni dalla notifica.

Se si tratta di permesso di soggiorno per motivi familiari (ricongiungimento, coesione, affidamento, etc.), è competente il Tribunale ordinario, sezione specializzata dell’immigrazione.

Hai bisogno di assistenza legale?

Tel
+39 0774 526639
Cell
+39 328 2896936
E-mail

Puoi contattarci on-line compilando il seguente modulo

Inviando il modulo, dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy.

Guide

  1. Acquisto della cittadinanza per discendenza (iure sanguinis)

    La cittadinanza italiana si acquista per discendenza (iure sanguinis) da avo italiano, in linea paterna e materna

  2. Riacquisto della cittadinanza italiana

    L'ex cittadino italiano, naturalizzato all'estero, può riacquistare la cittadinanza stabilendo la residenza in Italia

  3. Stranieri: sanatoria 2012

    Dal 15 settembre 2012 gli stranieri extracomunitari che lavorano "in nero" potranno chiedere la regolarizzazione attraverso la procedura di emersione ("sanatoria")

Articoli

  1. Protezione internazionale - passaporto europeo

    Il passaporto europeo è rilasciato ai rifugiati e titolari di protezione sussidiaria, che non possono rivolgersi al Paese di origine

  2. Permesso di soggiorno: rilevanza dei legami familiari in Italia

    E' illegittimo il rifiuto del permesso di soggiorno in presenza di legami familiari in Italia

  3. Espulsione dello straniero: necessario valutare i legami familiari

    L'espulsione dello straniero è condizionata ad una attenta valutazione dei legami familiari, anche se non è stato richiesto il ricongiungimento familiare