Riacquisto della cittadinanza italiana

L'ex cittadino italiano, naturalizzato all'estero, può riacquistare la cittadinanza stabilendo la residenza in Italia

Come riacquistare la cittadinanza italiana

Chi ha perso la cittadinanza italiana per naturalizzazione all'estero prima del 16 agosto 1992 potrà riacquistarla scegliendo tra due possibili modalità, che si differenziano esclusivamente per il tempo necessario al riacquisto:

  • Prima modalità: si rende una apposita dichiarazione in Consolato e si stabilisce la residenza in Italia entro 12 mesi dalla data della dichiarazione. Scegliendo questa strada, si potrà riavere la cittadinanza dopo qualche giorno o qualche settimana;
  • Seconda modalità: si stabilisce la residenza in Italia presso un Comune senza fare alcuna dichiarazione e si attendono 365 giorni. Scegliendo questa strada, non è prevista una procedura particolare e non è necessario presentare alcuna dichiarazione, ma bisognerà attendere almento un anno per perfezionare il riacquisto.

Prima modalità

La prima modalità di riacquisto della cittadinanza italiana, più veloce, è prevista dall'articolo 13 comma 1, lettera c) della Legge n. 91/1992.

I passi da seguire sono:

  • dichiarazione al Consolato o al Comune: la prima cosa da fare è presentare una dichiarazione di intenti al Consolato oppure al Comune (se si è già entrati in Italia), con cui l'interessato manifesta la volontà di riacquistare la cittadinanza italiana. Tale dichiarazione va resa alla presenza di due testimoni che non siano membri del nucleo familiare, che siano in grado di comprendere la lingua italiana e che siano muniti di documento di identità. Al momento della dichiarazione, deve essere presentata la ricevuta di pagamento di 200 Euro, preventivamente effettuato mediante bonifico bancario in favore del Ministero dell'Interno;
  • richiesta del permesso di soggiorno: dopo l'ingresso in Italia, entro 8 giorni, l'interessato deve richiedere il permesso di soggiorno per riacquisto cittadinanza. La richiesta può essere presentata in Questura - Ufficio immigrazione, oppure attraverso Poste Italiane compilando l'apposito kit reperibile direttamente nell'ufficio postale;
  • iscrizione anagrafica entro 12 mesi: dopo aver compiuto i passi sopra indicati, l'interessato deve chiedere al Comune l'iscrizione anagrafica, presentando la ricevuta della richiesta del permesso di soggiorno. L'iscrizione anagrafica deve essere richiesta entro 12 mesi dalla dichiarazione di cui al primo punto, a pena di inefficacia della stessa dichiarazione e di tutta la procedura.
  • completamento della procedura: a seguito della richiesta dell’interessato, il Comune entro 45 giorni esegue i controlli di rito sulla residenza tramite i vigili urbani o altro impiegato comunale autorizzato. Se i controlli risultano positivi, l'iscrizione anagrafica si considera completata. A quel punto, il Sindaco emette l'attestazione di cittadinanza e da quel momento l'interessato riacquista la cittadinanza italiana.

Seconda modalità

La seconda modalità per il riacquisto della cittadinanza italiana è prevista dall'articolo 13, comma 1, lettera d) della Legge n. 91/1992.

In questo caso, non vi sono adempimenti formali da compiere ma bisogna risiedere in Italia in modo effettivo per almeno un anno.

L'interessato, quindi, dopo aver fatto ingresso in Italia, chiede il permesso di soggiorno e l'iscrizione anagrafica presso un Comune, senza alcuna preventiva dichiarazione.

A quel punto deve attendere 365 giorni, decorsi i quali acquista automaticamente la cittadinanza e potrà ottenere dal Comune il rilascio della relativa certificazione.

Tags:

Leggi anche

  1. E' illegittima l'espulsione dello straniero che abbia un contratto di convivenza con un cittadino italiano

  2. La segnalazione nel Sistema Informativo Schengen di un cittadino di paese terzo non legittima il rifiuto all'ingresso

  3. Nella procedura di emersione colf-badanti, il lavoratore straniero ha diritto ad un permesso di soggiorno per attesa occupazione se il datore di lavoro non si presenta alla convocazione