Decreto Legge 113/2018: acquisto e revoca della cittadinanza

Nuove regole in tema di cittadinanza: prolungamento dei termini; nuove ipotesi di revoca; aumento del contributo (Decreto Legge n. 113/2018)

Il Decreto Legge n. 113/2018, in vigore dal 5 ottobre 2018,  ha introdotto importanti modifiche in tema di acquisto e revoca della cittadinanza.

Prolungamento dei termini

In primo luogo, riguardo la cittadinanza per matrimonio, era previsto, prima dell'entrata in vigore del Decreto, che il rigetto doveva essere adottato entro due anni dalla domanda.

Oggi, invece, per effetto delle modifiche introdotte dal citato decreto, il rigetto può essere pronunciato anche dopo due anni.

E' stato anche prolungato il termine di conclusione dei procedimenti per l'acquisto della cittadinanza, ivi compresi quelli avviati dall'autorità diplomatica o consolare o dall'Ufficiale di stato civile a seguito di istanze fondate su fatti occorsi prima del 1º gennaio 1948.

Il termine è oggi di quarantotto mesi (anzichè ventiquattro), decorrenti dalla data di presentazione della domanda.

Questo nuovo termine si applica anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore del decreto.

Nuova ipotesi di revoca

Un'altra importante novità è l'introduzione di una nuova ipotesi di revoca della cittadinanza italiana, in caso di condanna definitiva per i reati previsti dall'articolo 407, comma 2, lettera a), n. 4), del codice di procedura penale, nonchè per i reati di cui agli articoli 270-ter e 270-quinquies.2, del codice penale.

La revoca della cittadinanza è adottata, entro tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna per i reati di cui al primo periodo, con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'interno.

Aumento del contributo

Infine è stato aumentato da € 200 ad € 250 il contributo dovuto all'atto di presentazione della domanda di cittadinanza. 

Tags:

Leggi anche

  1. E' illegittima l'espulsione dello straniero che abbia un contratto di convivenza con un cittadino italiano

  2. E' illegittima la proroga del trattenimento presso i centri di identificazione ed espulsione oltre il termine di 60 giorni

  3. La segnalazione nel Sistema Informativo Schengen di un cittadino di paese terzo non legittima il rifiuto all'ingresso