Stupefacenti: quando l'acquisto di gruppo non è reato

L'acquisto (e la detenzione) di droga per uso di gruppo non è reato se ricorrono certe condizioni

Sul tema dell'acquisto di gruppo, si è espressa la Corte di Cassazione, con la recentissima sentenza del 2 marzo 2011, n. 8366, secondo cui l'acquisto di droga (e la successiva detenzione) per uso di gruppo non è reato quando ricorrono le seguenti condizioni:

  • deve risultare in modo palese che il consumo è esclusivamente personale;
  • l'incarico di acquisto di droga deve essere conferito da tutti i componenti del gruppo;
  • il compratore deve essere uno degli assuntori della sostanza acquistata;
  • devono essere certi sia l'identità dei componenti del gruppo come chiara la volontà di procurarsi la sostanza. A tal fine, è determinante il fatto che si sia raggiunta un'intesa tra i membri del gruppo sui luoghi e sui tempi del consumo e che gli "effetti dell'acquisizione traslino direttamente in capo agli interessati senza passaggi mediati".

Se ricorrono tutte queste condizioni, l'acquisto di gruppo non è penalmente rilevante.

Tags:

Leggi anche

  1. Affinchè si configuri il reato di "spaccio", è necessario che il principio attivo della sostanza stupefacente sia sufficientemente elevato da determinare un "effetto drogante"

  2. In materia di stupefacenti, la coltivazione di piante non costituisce reato se il principio attivo ricavabile non è idoneo alla diffusione della droga sul mercato

  3. Non è responsabile il rappresentante legale di una società se vi è stata valida delega a soggetto tecnicamente competente