Reati ambientali: quando la delega di funzioni esonera da responsabilità

Non è responsabile il rappresentante legale di una società se vi è stata valida delega a soggetto tecnicamente competente

E' noto che la responsabilità per i reati commessi nell'esercizio dell'attività di impresa ricade di regola sulle figure apicali, in quanto dotate dei poteri decisionali.

E' altrettanto noto, tuttavia, che nelle imprese di dimensioni medio-grandi, la molteplicità delle attività e degli adempimenti implica la necessità di avvalersi di meccanismi di distribuzione e ripartizione dei compiti.

Entra quindi in gioco la cosidetta "delega di funzioni", la quale - se possiede determinati requisiti - può determinare l'esclusione della responsabilità in capo alle figure apicali dell'impresa.

Al riguardo, la Cassazione è intervenuta con la sentenza del 23 giugno 2017, n. 31364, in tema di reati ambientali, con cui vengono puntualizzati i requisiti che la delega di funzioni deve avere per ritenersi valida ai fini dell'esclusione di responsabilità del legale rappresentante o di altra figura apicale.

Precisamente, afferma la Cassazione, devono ricorrere le seguenti caratteristiche:

  1. la delega deve essere puntuale ed espressa;
  2. il delegato deve essere un soggetto tecnicamente idoneo e professionalmente qualificato per lo svolgimento del compito affidatogli;
  3. la delega deve riguardare non solo le funzioni ma anche i correlativi poteri decisionali e di spesa;
  4. la delega deve escludere in capo al delegante poteri residuali di tipo discrezionale;
  5. il trasferimento delle funzioni delegate deve essere giustificato in base alle dimensioni dell'impresa o, quantomeno, alle esigenze organizzative della stessa;
  6. l'esistenza della delega deve essere provata in giudizio in modo certo.

Se ricorrono i suddetti requisiti e se non vi è stata alcuna ingerenza da parte del delegante, dovrà allora escludersi la responsabilità di quest'ultimo.

Leggi anche

  1. La prescrizione del reato non esclude la sospensione della patente e la confisca del veicolo in caso di mancata impugnazione del capo penale di condanna

  2. Sussiste il reato di stalking anche per le molestie tramite Facebook

  3. Mancata acquisizione del consenso informato: profili di responsabilità grave del medico e danni risarcibili