Molestie tramite facebook e reato di stalking

Sussiste il reato di stalking anche per le molestie tramite Facebook

Secondo la  Corte di Cassazione commette il reato di stalking (più precisamente di "atti persecutori") chi perseguita il proprio ex con messaggi minacciosi, anche se questo avviene tramite Facebook (Cassazione, sentenza  del 30.08.2010, n. 32404).

In particolare la Corte ha affermato che le molestie caratterizzanti la condotta tipica del delitto di atti persecutori possono essere integrate attraverso il reiterato invio alla persona offesa di sms e di messaggi di posta elettronica o postati sui cosiddetti “social network” (ad esempio “facebook”), nonchè con la divulgazione attraverso questi ultimi di filmati ritraenti rapporti sessuali avuti con la medesima.

Tags:

Leggi anche

  1. Pene severe per chi effettua molestie o minacce tali da provocare un perdurante e grave stato di ansia o di paura nella vittima: dal 25 febbraio in vigore lo stalking.

  2. Anche il danneggiamento degli oggetti dell'ex fidanzata può costituire il reato di "stalking"

  3. In materia di stalking è ora previsto l'arresto obbligatorio in flagranza, l'irrevocabilità della querela e nuove aggravanti, per effetto della Legge n. 119/2013, di conversione del Decreto Legge n. 93/2013