Rottamazione, saldo e stralcio: effetti sul blocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione

La domanda di rottamazione e di saldo e stralcio comporta lo sblocco immediato dei pagamenti dovuti dalla Pubblica Amministrazione

In base all'articolo 48-bis del  D.P.R. 602/73, prima di pagare somme superiori a € 5.000, la Pubblica Amministrazione deve verificare se il beneficiario non risulti inadempiente verso il Fisco, attraverso la banca dati dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione.

In particolare il beneficiario del pagamento non deve risultare inadempiente agli obblighi derivanti da cartelle di pagamento, accertamenti esecutivi e avvisi di addebito.

Accertata la sussistenza di un debito di questo tipo, la Pubblica Amministrazione ha l'obbligo di sospensione del pagamento fino a concorrenza del debito comunicato dalla Riscossione.

Se il contribuente versa (anche in misura parziale) la somma, il pagamento viene sbloccato fino a concorrenza del pagamento effettuato, anche durante il periodo di sospensione.

Tale disposizione deve però essere coordinata con la normativa in materia di definizione agevolata ("rottamazione ter").

Sul punto l'articolo 3 del Decreto Legge n. 119/2018 ha stabilito, con il chiaro intento di agevolare il recupero dei crediti, che la semplice presentazione della domanda di accesso alla rottamazione-ter determina il venir meno della condizione di inadempienza (articolo 3, comma 10, lettera f: "A seguito della presentazione della dichiarazione, relativamente ai carichi definibili che ne costituiscono oggetto il debitore non è considerato inadempiente ai fini di cui agli articoli 28-ter e 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602"). 

La stessa disposizione si applica per la domanda di "saldo e stralcio" in base al richiamo contenuto nella Legge n. 145/2018, articolo 1, comma 198 ("Per tutto quanto non previsto dai commi da 184 a 197 si applicano, in quanto compatibili, i commi 6, 7, 8, 9, 10, 12, 13, 14, 14-bis, 18, 19 e 20 dell'articolo 3 del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136").

Pertanto il contribuente che vanta un credito nei confronti di una Pubblica amministrazione e che contestualmente risulta debitore di somme iscritte a ruolo dell'Agente della risocssione, può ottenere lo sblocco delle somme semplicemente presentando la domanda di definizione agevolata o di saldo e stralcio.

Leggi anche

  1. Si applica anche alle sanzioni amministrative il principio della scissione degli effetti per il notificante e il notificato

  2. La contestazione di atti dell'Agente della riscossione, concernente una sanzione amministrativa non tributaria, va proposta dinanzi al Giudice ordinario

  3. Le cartelle esattoriali riguardanti sanzioni amministrative possono essere impugnate ai sensi della Legge n. 689/1981 solo se il verbale di accertamento non è mai stato notificato