Pubblicizzazione di semi di piante stupefacenti: non è reato

La pubblicizzazione e messa in vendita di semi di piante stupefacenti non integra il reato previsto dall'articolo 82 D.P.R. n. 309/90

La Cassazione ha di recente affrontato la questione se la pubblicizzazione e la messa in vendita di semi di piante idonee a produrre sostanze stupefacenti, con l'indicazione delle modalità di coltivazione e della resa, integra o meno il reato di istigazione all'uso di  dette sostanze.

Secondo la Cassazione a Sezioni Unite penali "l'offerta in vendita di semi di piante dalle quali è ricavabile una sostanza drogante, correlata da precise indicazioni botaniche sulla coltivazione delle stesse, non integra il reato dell'articolo 82 D.P.R. n. 309/90, salva la possibilità di sussistenza dei presupposti per configurare il delitto previsto dall'articolo 414 del Codice penale ("istigazione a delinquere"), con riferimento alla condotta di istigazione alla coltivazione di sostanze stupefacenti".

Tags:

Leggi anche

  1. In materia di stupefacenti, la coltivazione di piante non costituisce reato se il principio attivo ricavabile non è idoneo alla diffusione della droga sul mercato

  2. Affinchè si configuri il reato di "spaccio", è necessario che il principio attivo della sostanza stupefacente sia sufficientemente elevato da determinare un "effetto drogante"

  3. Il rifiuto di sottoporsi all'analisi delle urine per l'accertamento dei reati stradali (guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti) è legittimo se il prelievo va effettuato con modalità invasive