Pensione di reversibilità e risarcimento

La pensione di reversibilità non va detratta dall'importo del risarcimento

In caso di infortunio a seguito di sinistro stradale, il coniuge superstite ha diritto al risarcimento del danno per la perdita del congiunto, e da tale importo non deve essere detratto il valore capitale della pensione di reversibilità eventualmente riconosciuta dall'INPS.

Questo principio è stato affermato dalla Cassazione a Sezioni Unite, sentenza del 22 maggio 2018, n. 12564, chiamata a valutare se la pensione di reversibilità sia o meno parte integrante del risarcimento del danno patrimoniale.

La Cassazione ha ritenuto di no, in quanto sono completamente differenti la natura e la motivazione alla base della corresponsione della pensione di reversibilità da un lato, e del risarcimento dall'altro.

La pensione si basa sul rapporto di lavoro del de cuius e sui contributi da questo versati;  il risarcimento è determinato esclusivamente da un fatto illecito che ha cagionato un danno a terzi.

La Cassazione ha quindi annullato la decisione della corte territoriale che aveva erroneamente assorbito nel risarcimento da sinistro stradale il valore capitale della pensione di reversibilità costituita dall'INPS a favore della vedova, pari al 60% della pensione già percepita dal de cuius.

Tags:

Leggi anche

  1. L'Assicurazione deve risarcire anche l'incapacità lavorativa, sulla base del reddito effettivamente percepito, o, in mancanza, del triplo della pensione sociale

  2. In caso di sinistro stradale, deve essere risarcito anche il fermo tecnico

  3. Responsabilità dell'Amministrazione per il risarcimento dei danni