Non pagare l'assegno divorzile è reato

La violazione dell’obbligo di corresponsione dell’assegno divorzile è punita con le pene previste dall'articolo 570, comma 1, del Codice penale

Chi si sottrae agli obblighi economici derivanti dalla sentenza di divorzio, commette il reato previsto dall'articolo 12 sexies della Legge n. 898/1970.

Quanto alla pena applicabile, l'articolo 12 sexies richiama le pene previste dall'articolo 570 del Codice penale, senza però specificare il comma.

L'articolo 570 del Codice penale, infatti, prevede due diverse pene al primo e al secondo comma. 

Sul punto, la Cassazione a Sezioni Unite (sentenza  31 maggio 2013, n. 23866) ha risolto il contrasto interpretativo, stabilendo che il rinvio all'articolo 570 del Codice penale, effettuato dall'articolo 12 sexies citato, deve intendersi riferito alle pene alternativamente previste dal primo comma.

Nella stessa sentenza le Sezioni Unite hanno anche precisato che il delitto previsto dall'articolo 12 sexies della Legge  n. 898/1970 è procedibile d'ufficio, ossia a prescindere da una denuncia-querela delle persona offesa.

Leggi anche

  1. Il coniuge divorziato ha diritto alla pensione di reversibilità solo se la sentenza di divorzio aveva previsto in suo favore l'assegno divorzile

  2. L'assegnazione della casa coniugale, disposta nel corso della separazione o divorzio, è opponibile ai terzi anche se non è trascritta

  3. Nella separazione tra coniugi l'assegno di mantenimento decorre di regola dalla data della domanda, salvo diversa determinazione del giudice