Assegno divorzile

Famiglia e divorzio: i presupposti dell'assegno divorzile ed i criteri per la sua quantificazione

L’assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio n. 898 del 1970.

Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive.

Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il coniuge "forte" versi a favore dell’altro un assegno per il suo mantenimento.

Come si quantifica tale assegno?

In base alla legge, i criteri a cui fare riferimento sono i seguenti:

  1. condizioni dei coniugi
  2. ragioni del divorzio
  3. contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune
  4. reddito di entrambi
  5. durata del matrimonio

L'assegno divorzile ha diverse funzioni, ovvero:

1) funzione assistenziale. Esso cioè vuole evitare che il divorzio sia causa del peggioramento dello stile di vita di uno dei coniugi.

2) funzione risarcitoria. Esso tende a risarcire i danni che siano derivati ad un coniuge a causa della rottura del rapporto matrimoniale. Devono quindi essere considerate le ragioni della crisi coniugale.

3) funzione compensativa. Esso cioè tende a ripagare i coniugi in considerazione degli apporti prestati alla conduzione familiare.

L'assegno divorzile ha, quindi, presupposti e funzioni diverse rispetto all'assegno di mantenimento stabilito in sede di separazione.

Il primo, infatti, presuppone lo scioglimento del matrimonio e prescinde dagli obblighi di mantenimento e di alimenti, operanti in regime di convivenza e di separazione.

La misura dell’assegno di mantenimento determinata in sede di separazione è, pertanto, del tutto irrilevante in sede di divorzio (Cassazione sentenza del 09.05.2002 n. 6641).

Bisogna poi ricordare che secondo l’articolo 5 della legge 898/70, “l’obbligo di corresponsione dell’assegno cessa se il coniuge, al quale deve essere corrisposto, passa a nuove nozze”.

La ragione di tale disposizione è evidente: la funzione assistenziale dell’assegno di divorzio viene meno ogni qualvolta il coniuge beneficiario contragga un nuovo matrimonio, proprio perché in questa ipotesi i medesimi doveri di solidarietà morale ed economica sorgono in capo al nuovo coniuge.


Leggi anche

  1. Il coniuge divorziato ha diritto alla pensione di reversibilità solo se la sentenza di divorzio aveva previsto in suo favore l'assegno divorzile

  2. Nella separazione tra coniugi l'assegno di mantenimento decorre di regola dalla data della domanda, salvo diversa determinazione del giudice

  3. L'assegnazione della casa coniugale, disposta nel corso della separazione o divorzio, è opponibile ai terzi anche se non è trascritta