Famiglia di fatto: no all'assegno divorzile

La creazione di una famiglia di fatto fa venir meno il diritto all'assegno divorzile

In caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), l'instaurazione di una famiglia di fatto, da parte di uno degli ex coniugi, può determinare il venir meno dell'assegno divorzile a carico dell’altro coniuge.

Presupposto necessario è che la convivenza si traduca in un rapporto stabile e duraturo.

In tal caso, infatti, cesserebbe ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa convivenza matrimoniale e, in relazione ad essa, il presupposto per la riconoscibilità,  di un assegno divorzile.

Conseguentemente, secondo la giurisprudenza, il diritto all'assegno divorzile entra in uno stato di quiescenza.

Esso, tuttavia, potrebbe rivivere nell’ipotesi di rottura della nuova convivenza tra i familiari di fatto (Cassazione, sentenza del 11/08/2011, n. 17195).

Leggi anche

  1. Famiglia e divorzio: i presupposti dell'assegno divorzile ed i criteri per la sua quantificazione

  2. Il genitore di figli naturali riconosciuti ha diritto all'assegno per il nucleo familiare.

  3. E' irrilevante il tenore di vita tenuto durante il matrimonio ai fini dell'assegno divorzile: così ha deciso la Cassazione a Sezioni Unite, con sentenza dell'11 maggio 2018, n. 18287