Il danno biologico ex D.lg. 38/00: legittimazione passiva dell'INAIL

In materia di infortunio sul lavoro e malattie professionali, il ricorso per il risarcimento del danno biologico deve essere proposto contro l'INAIL, e non contro il datore di lavoro.

L’articolo 13 del Decreto Legislativo del 23 febbraio 2000, n. 38, ha ricondotto alla copertura assicurativa obbligatoria il danno biologico da infortunio sul lavoro e da malattia professionale.

Il termine di riferimento temporale posto dalla norma per determinare l’applicabilità della nuova disciplina diverge nei due casi: per gli infortuni sul lavoro rileva il momento del verificarsi dell’evento dannoso; per le malattie professionali rileva la data della denuncia.

Ne deriva che, se la malattia è stata denunciata dopo il 25.07.2000, pur essendo insorta anteriormente a tale data, il risarcimento del danno biologico deve essere domandato all’Inail, stante la carenza di legittimazione passiva in capo al datore di lavoro (Corte di Appello di Torino, sentenza del 4 luglio 2003, n. 814).

Tags:

Leggi anche

  1. Il lavoratore che subisce un infortunio sul lavoro ha diritto al risarcimento del danno non indennizzato dall'INAIL

  2. Se il datore di lavoro ritarda nel pagamento della retribuzione, il lavoratore potrebbe proporre un ricorso d'urgenza ex art. 700 cpc

  3. È legittimo il licenziamento anche di un solo lavoratore in seguito alla messa in mobilità del personale in esubero da parte di una azienda che ha fatto ricorso alla CIGS.