Guida in stato di ebbrezza: validità dell'alcoltest

Lo stato di ebbrezza deve risultare tramite "alcoltest" da due determinazioni concordanti effettuate a distanza di cinque minuti

Ai fini della prova della sussistenza dello stato di ebbrezza, gli articoli 186 del Codice della strada e 379 del regolamento di attuazione richiedono che l'accertamento tecnico venga effettuato tramite idonei strumenti ("etilometro") e che la concentrazione aloolemica, superiore al limite massimo consentito, risulti da almeno due determinazioni concordanti effettuate ad intervalli di tempo di cinque minuti.

Non è invece necessario che l'accertamento strumentale effettuato mediante etilometro trovi conferma anche in dati sintomatici riguardanti il comportamento del soggetto interessato.

L'etilometro, oltre a visualizzare i risultati delle misurazioni e dei controlli propri dell'apparecchio stesso, deve anche, mediante apposita stampante, fornire la corrispondente prova documentale.

Leggi anche

  1. Pene più severe per lo straniero illegalmente presente in Italia e per chi guida in stato di ebrezza

  2. E' nullo l'accertamento ematico se non è preceduto dall'avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore

  3. Il rifiuto di sottoporsi all'analisi delle urine per l'accertamento dei reati stradali (guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti) è legittimo se il prelievo va effettuato con modalità invasive