Guida in stato di ebbrezza: sussiste anche se lo stato di ebbrezza è determinato dall'assunzione di farmaci

L'assunzione di farmaci che interagisca pericolosamente con l'alcol, determinando il superamento della soglia di legge, non esclude la responsabilità penale del conducente per guida in stato di ebbrezza

In tema di guida in stato di ebbrezza, il conducente è penalmente responsabile anche qualora il superamento della soglia di legge (oltre il quale sussiste appunto lo "stato di ebbrezza") sia dipeso dalla contestuale assunzione di farmaci che avrebbero interagito pericolosamente con l'alcol.

A detta della Cassazione, infatti, il conducente avrebbe comunque dovuto prudentemente evitare di mettersi alla guida dopo aver assunto i detti farmaci.

Egli, quindi, risponde del reato di guida in stato di ebbrezza a titolo di colpa, per mancato utilizzo dell'ordinaria diligenza e prudenza (Cassazione, sentenza del 25 ottobre 2013, n. 43729).

 

Leggi anche

  1. E' nullo l'accertamento ematico se non è preceduto dall'avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore

  2. Pene più severe per lo straniero illegalmente presente in Italia e per chi guida in stato di ebrezza

  3. Il rifiuto di sottoporsi all'analisi delle urine per l'accertamento dei reati stradali (guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti) è legittimo se il prelievo va effettuato con modalità invasive