Bancarotta fraudolenta: responsabilità dell'amministratore di diritto

L'amministratore di diritto risponde di bancarotta fraudolenta se non conserva diligentemente le scritture contabili

In materia di reati fallimentari, l'amministratore di diritto è penalmente responsabile anche se investito solo formalmente dell'amministrazione della società fallita.

Ciò in ragione dell'obbligo diretto e personale, gravante su chi riveste la carica di amministratore, di tenere e conservare le scritture contabili, obbligo che non può essere ignorato.

Pertanto, l'amministratore di diritto, laddove non presti adeguata cura e diligenza nella conservazione delle predette scritture, risponderà del reato di cui all'articolo 216 della Legge fallimentare, ossia bancarotta fraudolenta documentale, per sottrazione o omessa tenuta delle scritture contabili in frode ai creditori (Corte di Appello di Trento, sentenza del 5 giugno 2015, n. 135).

Leggi anche

  1. Non è responsabile il rappresentante legale di una società se vi è stata valida delega a soggetto tecnicamente competente

  2. In tema di reati tributari, i beni dell'amministratore sono sequestrabili solo se non è possibile il sequestro diretto nei confronti della società

  3. Mancata acquisizione del consenso informato: profili di responsabilità grave del medico e danni risarcibili