Stranieri irregolari: matrimonio anche senza permesso di soggiorno

È illegittimo il divieto di contrarre matrimonio senza il permesso di soggiorno

L'articolo 116 del Codice civile prevedeva che lo straniero, per contrarre matrimonio nello Stato italiano, doveva presentare all'ufficiale dello stato civile una dichiarazione dell'autorità competente del proprio paese, dalla quale risulti che nulla osta al matrimonio nonché un documento attestante la regolarità del soggiorno nel territorio italiano.

La Corte costituzionale ha abrogato l'articolo 116 citato nella parte in cui prevede la necessità di dimostrare il regolare soggiorno.

Sostiene la Corte, infatti, che sposarsi è un diritto inviolabile della persona che va riconosciuto a chiunque a prescindere dalla comunità politica di appartenenza (Corte costituzionale, sentenza n. 245/2011).

Leggi anche

  1. L'indennità di accompagnamento spetta agli stranieri regolarmente presenti in Italia, anche se non hanno il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno).

  2. I minori stranieri, non accompagnati o accolti, hanno diritto ad un permesso di soggiorno, all’istruzione, all’assistenza sanitaria ed eventualmente all'affidamento

  3. Nella procedura di emersione colf-badanti, il lavoratore straniero ha diritto ad un permesso di soggiorno per attesa occupazione se il datore di lavoro non si presenta alla convocazione