Permesso di soggiorno per attesa occupazione se il datore non si presenta

Nella procedura di emersione colf-badanti, il lavoratore straniero ha diritto ad un permesso di soggiorno per attesa occupazione se il datore di lavoro non si presenta alla convocazione

È quanto stabilito dalla recente giurisprudenza, secondo cui - in caso di mancata presentazione del datore di lavoro alla convocazione in Prefettura - sarebbe illegittima l'archiviazione del procedimento di emersione.

Può darsi infatti che il lavoratore straniero abbia comunque interesse al perfezionamento della sanatoria.

Conseguentemente, se il datore non si presenta manifestando l'intenzione di non voler proseguire il rapporto di lavoro, dovrà comunque riconoscersi al lavoratore straniero il diritto ad ottenere un permesso di soggiorno per attesa occupazione (T.A.R. della Lombardia, sentenza del 13 dicembre 2010, n. 7528).

Leggi anche

  1. L'indennità di accompagnamento spetta agli stranieri regolarmente presenti in Italia, anche se non hanno il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno).

  2. Il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) deve essere rilasciato entro 90 giorni dalla richiesta. In mancanza è possibile fare ricorso al TAR.

  3. In caso di riabilitazione, l'Amministrazione non può rifiutare il permesso di soggiorno