Relata di notifica: nuove specificazioni dal 5 marzo 2013

Per le cartelle esattoriali e gli avvisi di accertamento, in caso di assenza del destinatario, dovrà essere specificato l'avvenuto deposito dell'atto al Comune e l'avvenuta spedizione di una raccomandata informativa

In materia di cartelle esattoriali e avvisi di accertamento, l'Agenzia delle entrate, con provvedimento del 5 marzo 2013, ha modificato il testo della relata di notifica per i casi irreperibilità relativa del destinatario.

In particolare dovrà essere specificato nella relata che – nelle situazioni di temporanea assenza, o incapacità o rifiuto delle persone legittimate a ricevere gli atti in luogo del destinatario - si procede alla notifica mediante deposito dell'atto nella casa comunale, affissione dell'avviso di deposito in busta chiusa e sigillata alla casa di abitazione, ufficio o azienda del contribuente ed invio di raccomandata con avviso di ricevimento per informare il contribuente degli adempimenti effettuati.

Leggi anche

  1. Se manca la relata di notifica, la cartella esattoriale è nulla

  2. Dal 1 giugno 2016 è obbligatoria la notifica delle cartelle via pec: presupposti e dubbi di legittimità

  3. Equitalia potrà effettuare le comunicazioni anche via PEC alle ditte individuali