Maltrattamenti e revoca dell'affidamento preadottivo

L'affidamento preadottivo è revocabile quando il genitore affidatario pone in essere comportamenti violenti a danno del minore

Il reiterato comportamento violento di uno dei genitori affidatari, che infligga maltrattamenti fisici e disagi emotivi ai minori durante il periodo dell'affidamento preadottivo, può ben determinare la revoca dell'affidamento stesso e giustificare la proroga del ricovero presso strutture assistenziali, nell'ambito delle quali i minori hanno trovato una buona accoglienza ed un equilibrio emotivo.

Nè il genitore affidatario potrebbe invocare la situazione di grave stress da lavoro come causa di giustificazione dei reiterati comportamenti violenti.

Tali comportamenti per altro integrano il reato di maltrattamenti in famiglia, previsto e punito dall'articolo 572 del Codice penale.

Leggi anche

  1. Il trasferimento del genitore non implica sempre il venir meno dell'affidamento dei figli

  2. A seguito del divorzio la casa coniugale può essere assegnata all'ex coniuge soltanto se a lui sono affidati i figli minori o se con lui convivono i figli maggiorenni.

  3. I single possono chiedere il riconoscimento di un provvedimento straniero di adozione, purchè l'adozione non produca effetti legittimanti