Emersione colf badanti e mancata convocazione del lavoratore

È illegittima l'archiviazione del procedimento di emersione colf-badanti se il lavoratore non è stato convocato

Nell'ambito della procedura di emersione colf-badanti, l'Amministrazione non può legittimamente archiviare il procedimento di emersione per il rapporto di lavoro domestico nel caso in cui il lavoratore non sia stato avvisato della data di convocazione.

La giurisprudenza ritiene infatti che la mancata convocazione del lavoratore preclude allo stesso la possibilità di manifestare l’interesse alla prosecuzione del rapporto.

Inoltre, una differente interpretazione porterebbe ad attribuire al datore di lavoro, non più interessato al perfezionamento dell'istanza, una discrezionalità eccessiva (Tar del Piemonte, sentenza del 17 dicembre 2011, n. 1315).

L'eventuale provvedimento di archiviazione può essere impugnato dinanzi al T.A.R., entro sessanta giorni dalla sua comunicazione.

 

Leggi anche

  1. Nella procedura di emersione colf-badanti, il lavoratore straniero ha diritto ad un permesso di soggiorno per attesa occupazione se il datore di lavoro non si presenta alla convocazione

  2. Sono finalmente disponibili i moduli per richiedere la regolarizzazione di colf e badanti. Ecco come compilarli.

  3. E' illegittima la proroga del trattenimento presso i centri di identificazione ed espulsione oltre il termine di 60 giorni