Emergenza sanitaria COVID-19: sospensione pagamenti dell'Agenzia Entrate Riscossione

A causa della emergenza covid-19, il DL 18/2020 ha sospeso i pagamenti dell'Agenzia Entrate Riscossione in scadenza fino al 31 maggio 2020

 Il Decreto Legge n. 18/2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo 2020, recante “Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, ha disposto le seguenti misure con impatto su termini di pagamento e attività di riscossione:

  • sospensione dei termini di versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento e di addebito, in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020. I pagamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 30 giugno 2020 (mese successivo il periodo di sospensione);
  • fino al 31 maggio 2020, sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle e degli altri atti di riscossione;
  • differimento al 31 maggio 2020 della rata scaduta il 28 febbraio relativa alla “Rottamazione-ter” e della rata in scadenza il 31 marzo del “Saldo e stralcio”.

Inoltre, a tutela della salute dei cittadini e del personale addetto, è stata prolungata la chiusura al pubblico degli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione presenti su tutto il territorio nazionale fino al 3 aprile.

Leggi anche

  1. Chi riceve un atto di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, può chiedere l'accertamento con adesione

  2. Gli atti dell'Agenzia delle Entrate, sottoscritti da un Funzionario delegato, sono nulli se non risulta l'effettiva delega da parte del Direttore pro tempore

  3. La decadenza della cartella esattoriale preclude la riscossione a mezzo ruolo, ma non estingue il diritto sostanziale