Mancato versamento del mantenimento: come comportarsi?

Omesso versamento del mantenimento: dal pignoramento alla denuncia penale

Se il coniuge obbligato non versa il mantenimento, l'avente diritto avrà a disposizione diversi strumenti di tutela, sia per ottenere il recupero di quanto dovuto sia per far accertare la responsabilità penale del coniuge inadempiente.

Queste tutele possono essere promosse sia quando il mantenimento è previsto in un provvedimento del giudice (sentenza di separazione o divorzio; omologa della separazione; provvedimento provvisorio emesso all'udienza presidenziale; etc.) sia quando è previsto in un accordo di negoziazione assistita.

Vediamo quali azioni possono essere attivate.

Azioni esecutive

In primo luogo, l'avente diritto potrà avviare le azioni esecutive sui beni dell'obbligato, chiedendo ossia il pignoramento dello stipendio, dei conti correnti, e ingenerali dei crediti presso terzi, nonchè il pignoramento dei veicoli o di immobili intestati all'obbligato.

In caso di urgenza, è anche possibile ottenere il sequestro dei beni dell'obbligato, se si teme che gli stessi possano essere sottratti alla garanzia di legge.

Ordine di versamento diretto al datore di lavoro - art. 156 cc

Nel caso in cui l'inadempimento dell'obbligato sia reiterato nel tempo, l'avente diritto può azionare l'articolo 156 del Codice civile, ossia può chiedere al Tribunale che una quota dei redditi dell'obbligato sia versata dal datore di lavoro direttamente a chi sopporta le spese per il mantenimento dei figli, senza dovere ogni volta riattivare il pignoramento.

Fondo di solidarietà

Cosa succede se il beneficiario non riesce a recuperare l'assegno dovuto perchè, ad esempio, non vengono rintracciati beni intestati all'obbligato?

Di recente è stato istituito il Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno che non abbia ricevuto gli alimenti da parte dell'altro coniuge.

Se sussistono i requisiti di legge, è possibile presentare domanda di accesso al Fondo presso la cancelleria del Tribunale di residenza.

Il Fondo anticiperà al coniuge bisognoso una somma non superiore all'importo dell'assegno.

Denuncia-querela

In ogni caso, a prescindere dall'attivazione degli strumenti di tutela sopra indicati, è anchepossibile sporgere denuncia-querela per il mancato versamento del mantenimento sia per i figli sia per il coniuge.

Si attiverà allora un procedimento penale per l'accertamento della responsabilità penale dell'obbligato, in cui il beneficiario dell'assegno (non percepito) potrà anche chiedere il risarcimento dei danni mediante costituzione di parte civile.

Tags:

Leggi anche

  1. L'obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne deve essere valutato in relazione alla condotta del figlio

  2. La violazione dell'obbligo di mantenimento del figlio naturale dà diritto al risarcimento del danno

  3. Nella separazione tra coniugi l'assegno di mantenimento decorre di regola dalla data della domanda, salvo diversa determinazione del giudice