Usucapione - enti ospadalieri - rimozione del vincolo di destinazione

L'usucapione dei beni ospedalieri è possibile solo in caso di rimozione del vincolo di destinazione

I beni compresi nel patrimonio dei disciolti enti ospedalieri non sono suscettibili di possesso finalizzato all'usucapione, dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge n. 264/1974, convertito in Legge n.386/1974, a prescindere dalla loro effettiva destinazione al pubblico servizio ospedaliero (Cassazione, sentenza del 27 novembre 2018, n. 30720).

E infatti l'articolo 7 del Decreto Legge n. 264/1974, poi convertito in Legge n. 386/1974, ha introdotto - in vista della progettata istituzione del Servizio Sanitario Nazionale con correlata liquidazione dei preesistenti enti ospedalieri - il divieto di alienazione e di costituzione di diritti reali minori sui beni già compresi nel patrimonio degli enti predetti "fino all'entrata in vigore della riforma sanitaria" e con espressa previsione che "gli atti posti in essere in violazione di tale divieto sono nulli".

Da ciò consegue che i beni degli enti ospedalieri, oggi disciolti, sono stati totalmente sottratti al commercio, e quindi inseriti nel patrimonio indisponibile, per espressa previsione di legge dello Stato.

Solo a seguito dell'entrata in vigore della Legge n. 833/1978 è stata prevista una procedura finalizzata alla rimozione del vincolo di destinazione di cui anzidetto, su proposta dall'assemblea generale della USL, previa autorizzazione del Presidente della Regione e con deliberazione del Consiglio comunale dell'ente locale cui detti beni erano stati in concreto trasferiti.

Con l'ulteriore vincolo, in ogni caso, che la somma derivante dall'alienazione o trasformazione dei beni svincolati fosse reinvestita per finalità attinenti al Servizio Sanitario Nazionale (articoli 39 e 40 Legge n. 833/1978).

Pertanto, per i beni suddetti, non è possibile l'usucapione, a meno che non sia stato rimosso il vincolo di destinazione con la speciale procedura prevista dalla Legge n. 833/1978.

Tags:

Leggi anche

  1. In materia di usucapione, è necessario dimostrare in giudizio sia il possesso continuato ed ininterrotto per il termine di legge, sia l'animus possidendi.

  2. Il danno non patrimoniale va considerato unitariamente e comprende i diversi profili del danno biologico, morale ed esistenziale

  3. Il cittadino che non può ottenere tempestivamente adeguate prestazioni sanitarie in strutture italiane può chiedere l'autorizzazione ad essere curato presso un centro specializzato estero.