Trasporto aereo: risarcimento del danno e onere della prova

In caso di cancellazione del volo o ritardo aereo, il passeggero ha diritto alla compensazione pecuniaria e al risarcimento dell'eventuale maggior danno

In materia di trasporto aereo, in caso di negato imbarco, cancellazione o ritardato arrivo dell'aeromobile rispetto all'orario previsto, il passeggero ha diritto al risarcimento del danno, nonchè, in caso di ritardo superiore alle soglie temporali previste dall'articolo 6 del Regolamento CE n. 261/2004, alla compensazione pecuniaria di cui dall'articolo 7 del medesimo Regolamento, ossia:

  • 250 € per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1.500 chilometri;
  • 400 € per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1.500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1.500 e 3.500 chilometri;
  • 600 € per le tratte aeree che non rientrano nei punti precedenti.

A tal fine, il passeggero dovrà semplicemente allegare l'inadempimento del vettore, dimostrando solamente la fonte negoziale del suo diritto (ossia il titolo di viaggio).

Sarà poi onere del vettore convenuto in giudizio, dimostrare l'avvenuto adempimento ovvero, in caso di ritardo, che questo sia contenuto sotto le soglie di rilevanza fissate dall'articolo 6, comma 1, del Regolamento CE n. 261/2004.

Tale principio risponde al criterio generale del riparto dell'onere probatorio, secondo cui il creditore ha solo l'obbligo di allegare l'inadempimento totale o parziale della controparte, applicabile anche all'ipotesi del trasporto aereo (Cassazione, ordinanza del 23 gennaio 2018, n. 1584).

Leggi anche

  1. Il medico è responsabile se non prova che l'intervento è stato eseguito con diligenza, anche quando l'operazione presenta speciali difficoltà.

  2. In caso di occupazione abusiva di un immobile, il proprietario ha sicuramente diritto al risarcimento del danno per il solo fatto di essere stato privato della disponibilità dell'immobile

  3. Il danno non patrimoniale va considerato unitariamente e comprende i diversi profili del danno biologico, morale ed esistenziale