Revoca del permesso di soggiorno: non basta l'arresto in flagranza

L'arresto in flagranza non è sufficiente per revocare il permesso di soggiorno

L'arresto in flagranza per spaccio di sostanze stupefacenti non è sufficiente per determinare la revoca del permesso di soggiorno.

Questo è quanto stabilito dal TAR del Lazio, sezione di Latina, con sentenza del 23 maggio 2017, n. 324, secondo cui il semplice arresto non è un elemento di valutazione ai fini di una prognosi di pericolosità sociale che può seguire unicamente ad una condanna, anche non definitiva.

Inoltre, anche nell'ipotesi di condanna penale, è comunque necessario considerare complessivamente più elementi, quali la durata del soggiorno nel territorio nazionale nonchè l'inserimento sociale, familiare e lavorativo dello straniero (per cui la stessa condanna potrebbe risultare insufficiente per determinare la revoca del permesso di soggiorno).

Leggi anche

  1. In caso di riabilitazione, l'Amministrazione non può rifiutare il permesso di soggiorno

  2. La condanna penale per determinati reati comporta automaticamente il rifiuto del permesso di soggiorno, il mancato rinnovo o la revoca dello stesso

  3. Il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) deve essere rilasciato entro 90 giorni dalla richiesta. In mancanza è possibile fare ricorso al TAR.