Pignoramento della prima casa: valido se anteriore al 22 giugno 2013

Validi i pignoramenti della prima casa da parte di Equitalia, anteriori al Decreto del Fare, secondo il parere del Ministero dell'economia

Come è noto, il Decreto del Fare (Decreto Legge n. 69/2013), entrato in vigore il 22 giugno 2013, ha introdotto il divieto per Equitalia di pignorare la prima casa.

Ricordiamo che il divieto di pignoramento sussiste se ricorrono congiuntamente le seguenti condizioni:

  • l'immobile deve essere adibito a prima casa;
  • deve essere l'unico di proprietà del debitore;
  • il debitore deve avervi la residenza anagrafica;
  • deve trattarsi di abitazione non di lusso, ossia non deve rientrare nelle categorie catastali A/8 e A/9 (ville).

Ricordiamo anche che lo stesso divieto vale anche per gli ulteriori immobili eventualmente in possesso del contribuente (seconda casa) se il debito non supera i 120.000,00 euro.

Cosa succede ai pignoramenti della prima casa iniziati prima della data di entrata in vigore del Decreto del Fare?

In un primo momento, tali pignoramenti furono sospesi, in attesa di maggiori chiarimenti (come da disposizioni della stessa Equitalia del 1 luglio 2013).

Ora, il Ministero Dell'Economia, in risposta ad un intervento della Commissione Finanza, ha precisato che tali pignoramenti sono validi, in quanto appunto anteriori all'introduzione del divieto.

Questa precisazione del Ministero, ovviamente, comporterà la riapertura dei pignoramenti che erano stati sospesi, salvo ovviamente eventuali arresti giurisprudenziali.

Leggi anche

  1. Dal 1 giugno 2016 è obbligatoria la notifica delle cartelle via pec: presupposti e dubbi di legittimità

  2. Se manca la relata di notifica, la cartella esattoriale è nulla

  3. In caso di verifiche fiscali, il contribuente ha diritto di farsi assistere e di ricorrere al Garante del contribuente in caso di scorrettezze o violazioni di legge da parte degli organi accertatori