L'aggio dell'Agente della riscossione

L'aggio è la percentuale che l'Agente della riscossione ricava dall'attività di recupero del credito. L'aggio è ora sostituito da un rimborso spese

L'aggio è la somma che l'Agente della riscossione percepisce per la sua attività di riscossione dei crediti.

Entro 60 giorni dalla notifica della cartella l'aggio è a carico del debitore per il 4,65%, mentre il restante 4,35% è a carico dell'ente creditore.

Oltre i 60 giorni l'aggio è totalmente a carico del debitore nella misura del 9%.

A seguito del Decreto Legge n. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge del 22 dicembre 2011, n. 214, l'aggio è sostituito da un rimborso all'Agente della riscossione dei costi fissi risultanti dal bilancio certificato.

E' prevista l'emanazione di un decreto del Ministero dell'economia e delle finanze per calcolare annualmente il rimborso delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora in misura percentuale. 

Il decreto dovrà tenere conto dei seguenti, specifici parametri:

  • carichi annui affidati;
  • andamento delle riscossioni coattive;
  • processo di ottimizzazione, efficientamento e riduzione dei costi del gruppo Equitalia S.p.A.

Tale decreto dovrà in ogni caso garantire al contribuente oneri inferiori a quelli esistenti alla data del 6 dicembre 2011.

Leggi anche

  1. La contestazione di atti dell'Agente della riscossione, concernente una sanzione amministrativa non tributaria, va proposta dinanzi al Giudice ordinario

  2. Contro l'iscrizione ipotecaria dell'Agente della riscossione è ammessa la tutela d'urgenza ex articolo 700 del Codice di procedura civile

  3. La decadenza della cartella esattoriale preclude la riscossione a mezzo ruolo, ma non estingue il diritto sostanziale