Estratto di ruolo: ammessa l'insinuazione al passivo

E' ammessa l'insinuazione al passivo fallimentare sulla base dell'estratto di ruolo

L'estratto del ruolo è atto autonomamente impugnabile e consente l'ammissione al passivo fallimentare se non è contestato dal curatore fallimentare ovvero giustifica la sua ammissione con riserva nel caso in cui si riferisca a un credito tributario, stante la riserva di giurisdizione che concerne tali crediti (Cassazione, Sezioni Unite del 2 ottobre 2015; Cassazione, ordinanza del 9 maggio 2019, n. 12441).

E infatti, in base agli articoli 93 R.D. n. 267/1942, 33 del Decreto Legislativo n. 112/1999, 87 e 88 del D.P.R. n. 602/1973, 17 e 18 del Decreto Legislativo n. 46/1999, ai fini dell'ammissione al passivo, è necessario produrre il ruolo e non anche notificare preventivamente cartella di pagamento al debitore o al curatore.

Leggi anche

  1. Illegittima l'iscrizione ipotecaria se l'Equitalia ha depositato al Conservatore il solo "estratto di ruolo"

  2. La decadenza della cartella esattoriale preclude la riscossione a mezzo ruolo, ma non estingue il diritto sostanziale

  3. La cartella esattoriale è illegittima se non indica la data in cui i ruoli sono stati resi esecutivi