Edilizia residenziale pubblica e ordine di rilascio: giurisdizione del giudice ordinario

L'ordine di rilascio di un alloggio popolare può essere impugnato dinanzi al Giudice Ordinario

In materia di edilizia residenziale pubblica ("alloggi popolari"), la controversia introdotta da chi si opponga ad un provvedimento dell'Amministrazione comunale di rilascio di immobili ad uso abitativo ritenuti occupati senza titolo rientra nella giurisdizione del giudice ordinario (Cassazione, Sezioni Unite, ordinanza del 5 aprile 2019, n. 9683).

Ciò che viene contestato, infatti, è il diritto di agire esecutivamente, mentre l'ordine di rilascio è un atto imposto dalla legge e non l'esercizio di un potere discrezionale dell'Amministrazione.

La sua concreta applicazione non richiede, pertanto, di volta in volta, una valutazione del pubblico interesse.

Tale principio deve essere sostenuto anche qualora sia dedotta l'illegittimità di provvedimenti amministrativi (quali la diffida a rilasciare l'alloggio e il successivo ordine di sgombero), dei quali è eventualmente possibile la disapplicazione da parte del giudice, chiamato a statuire sull'esistenza delle condizioni richieste dalla legge per dare corso forzato al rilascio del bene (Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 14956/2011).

Leggi anche

  1. Il debitore protestato può adire il giudice ordinario per chiedere in via d'urgenza la cancellazione di protesti

  2. Se un condomino realizza opere che rappresentano sia un abuso edilizio sia un danno per le parti comuni, è irrilevante la sanatoria

  3. In caso di revoca della patente, il termine minimo per conseguirla decorre da quando il provvedimento di revoca è diventato definitivo