Comunione impropria tra usufrutto e proprietà

Se su un bene coesistono il diritto di usufrutto pro quota e il diritto di proprietà, è possibile chiedere lo scioglimento della sola comunione di godimento

Nell’ipotesi in cui su di un bene concorrano il godimento dell’usufruttuario pro quota e quello del proprietario, si instaura una comunione di godimento o "comunione impropria", la quale come tutte le comunioni è suscettibile di scioglimento, se richiesto da uno dei comunisti.

In tal caso però, oggetto della divisione non è l'intera proprietà del bene ma il solo diritto di godimento, dovendosi, ove possibile, pervenire all'individuazione di una porzione materiale del bene su cui concentrare i distinti diritti di godimento (Cassazione, sentenza del 16 aprile 1981 n. 2309).

Leggi anche

  1. In tema di condominio, sono vietate le opere che danneggiano le parti comuni, anche se costruite su aree di proprietà esclusiva

  2. L'usufruttuario non è litisconsorte necessario nei giudizi di divisione della comunione

  3. Agenzia delle Entrate - Risoluzione 112/E: per l'esenzione dal bollo auto dei veicoli pluriventennali non è necessaria l'iscrizione nei registri FMI