Affidamento dei figli e conflittualità tra i genitori

Non è consentito l'affidamento esclusivo dei figli solo in ragione della conflittualità tra i genitori, dovendosi tutelare l'interesse prevalente del minore

In tema di crisi familiare, la regola primaria per la regolamentazione dei rapporti genitori/figli è quella dell'affidamento condiviso, in quanto la stessa è stata ritenuta maggiormente idonea a riequilibrare la condizione del ruolo genitoriale in favore dell'interesse dei figli.

A tale regola si può derogare solo in casi eccezionali di particolare gravità.

Al riguardo, la mera conflittualità tra i genitori non è stata ritenuta sufficiente per giustificare l'affidamento esclusivo dei figli ad uno solo dei genitori.

In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione con la recentissima sentenza del 3 dicembre 2012, n. 21591.

La Cassazione in particolare ha ribadito che l'unico motivo che può giustificare la deroga del regime di affidamento condiviso è il contrasto dello stesso con l'interesse preminente del minore, contrasto che, nel caso esaminato (caratterizzato solo da un'accesa conflittualità tra i coniugi), non era stato ravvisato.

 

Tags:

Leggi anche

  1. Il trasferimento del genitore non implica sempre il venir meno dell'affidamento dei figli

  2. A seguito del divorzio la casa coniugale può essere assegnata all'ex coniuge soltanto se a lui sono affidati i figli minori o se con lui convivono i figli maggiorenni.

  3. Il genitore di figli naturali riconosciuti ha diritto all'assegno per il nucleo familiare.