Interessi moratori: come si calcolano?

In materia di cartelle esattoriali, gli interessi moratori non si applicano sulle sanzioni e sugli interessi

Se non si paga una cartella esattoriale entro sessanta giorni, iniziano a decorrere gli interessi moratori (articolo 30 del D.P.R. n. 602/1973).

Come si calcolano gli interessi moratori?

Prima di tutto, il tasso è determinato annualmente con decreto del Ministero delle finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi.

Inoltre, dal 13 luglio 2011 è entrata in vigore una importante novità, in forza della legge n. 106/2011. In particolare l'articolo 7, commi 2-sexies e 2-septies, della Legge citata ha modificato l'articolo 30, comma 1, del D.P.R. n. 602/1973, vietando ad Equitalia l'applicazione degli interessi di mora anatocistici.

Questo vuol dire che gli interessi di mora non si applicano più per la parte della cartella corrispondente alle sanzioni pecuniarie tributarie e agli interessi.

Questa norma vale per i  ruoli consegnati a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Sviluppo e cioè dal giorno successivo alla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (data di pubblicazione: 12 luglio 2011; data di entrata in vigore: 13 luglio 2011).

Leggi anche

  1. Ridotti gli interessi di mora nella cartella esattoriale

  2. Legge n. 106/2011: nuovi limiti all'iscrizione di ipoteca sull'abitazione principale; obbligo di comunicazione; decisione sulla sospensione entro 180 giorni; esonero dalle spese di cancellazione del fermo

  3. Se l'intimazione di pagamento ha per oggetto i tributi, il ricorso deve essere proposto dinanzi alla Commissione tributaria