Equitalia e pignoramento ex art. 72 bis: come fare opposizione

Modalità e limiti dell'opposizione al pignoramento diretto di Equitalia

La norma

Equitalia, in qualità di Agente per la riscossione, può pignorare i crediti del debitore secondo una procedura molto più semplice di quella prevista dal Codice di procedura civile.

E infatti Equitalia non deve citare il terzo dinanzi al Tribunale competente per ottenere in questa sede l'ordinanza di assegnazione, ma può direttamente ordinare al terzo di corrispondere entro sessanta giorni le somme che dovrebbe altrimenti versare al debitore, salvo che per i crediti pensionistici.

Si tratta del cosiddetto "pignoramento diretto" previsto dagli articoli 72 bis e seguenti del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73, secondo cui:

"Salvo che per i crediti pensionistici e fermo restando quanto previsto dall'articolo 545, commi quarto, quinto e sesto, del codice di procedura civile, e dall'articolo 72-ter del presente decreto l'atto di pignoramento dei crediti del debitore verso terzi può contenere, in luogo della citazione di cui all'articolo 543, secondo comma, numero 4, dello stesso codice di procedura civile, l'ordine al terzo di pagare il credito direttamente al concessionario, fino a concorrenza del credito per cui si procede:

a) nel termine di sessanta giorni dalla notifica dell'atto di pignoramento, per le somme per le quali il diritto alla percezione sia maturato anteriormente alla data di tale notifica;

b) alle rispettive scadenze, per le restanti somme.

1-bis. L'atto di cui al comma 1 può essere redatto anche da dipendenti dell'agente della riscossione procedente non abilitati all'esercizio delle funzioni di ufficiale della riscossione e, in tal caso, reca l'indicazione a stampa dello stesso agente della riscossione e non e' soggetto all'annotazione di cui all'articolo 44, comma 1, del decreto legislativo 13 aprile 1999, n. 112. 2. Nel caso di inottemperanza all'ordine di pagamento, si applicano le disposizioni di cui all'articolo 72, comma 2."

Il Giudice competente

Quali strumenti ha il debitore per opporsi all'atto di pignoramento diretto?

In primo luogo, va detto che le eventuali opposizioni (all'esecuzione o agli atti esecutivi) devono essere proposte dinanzi al Giudice ordinario, e non dinanzi alle Commissioni tributarie.

L'articolo 2 del Decreto Legislativo n. 546/92, infatti, afferma che sono soggette alla giurisdizione delle Commissioni le controversie aventi ad oggetto imposte e tributi di ogni genere e specie, ad eccezione  delle "controversie riguardanti gli atti della esecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento <...>".

E certamente la procedura prevista dall'articolo 72-bis del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73, ha inequivocabilmente natura esecutiva, in quanto, come si evince anche dal tenore letterale del testo, costituisce soltanto una modalità di esecuzione presso terzi, alternativa rispetto a quella di cui agli articoli 543 e seguenti del Codice di procedura civile.

Tale principio è stato ribadito dalla Cassazione, Sezioni Unite, con sentenza del 15 maggio 2007, n. 11077.

Limiti dell'opposizione

Le opposizioni all'esecuzione e agli atti esecutivi avverso il pignoramento in questione sono soggette ai limiti di cui all'articolo 57 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73.

In base alla norma citata, le opposizioni all'esecuzione (ex articolo 615 del Codice di procedura civile) possono riguardare solo la pignorabilità dei beni (ad esempio: per contestare un pignoramento effettuato sulla "prima casa" del debitore; oppure un pignoramento che eccede i limiti stabiliti dall'articolo 72 ter del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73); le opposizioni agli atti esecutivi (ex articolo 617 del Codice di procedura civile), invece, possono riguardare i vizi formali della procedura ma non la regolarità formale e la notificazione del titolo esecutivo.

L'articolo 57 citato, infatti, stabilisce:

"1. Non sono ammesse:

a) le opposizioni regolate dall'articolo 615 del codice di procedura civile, fatta eccezione per quelle concernenti la pignorabilità dei beni;

b) le opposizioni regolate dall'articolo 617 del codice di procedura civile relative alla regolarità formale ed alla notificazione del titolo esecutivo.

2. Se è proposta opposizione all'esecuzione o agli atti esecutivi, il giudice fissa l'udienza di comparizione delle parti avanti a sè con decreto steso in calce al ricorso, ordinando al concessionario di depositare in cancelleria, cinque giorni prima dell'udienza, l'estratto del ruolo e copia di tutti gli atti di esecuzione".

Possibili motivi di opposizione

A titolo esemplificativo, indichiamo alcuni possibili motivi che possono giustificare l'opposizione al pignoramento presso terzi:

Violazione dei limiti del pignoramento

Il pignoramento presso terzi, che abbia ad oggetto somme dovute a titolo di stipendio, salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, deve rispettare i seguenti limiti, introdotti dal Decreto Legge n. 16/2012:

  • 1/10 per importi fino a 2.000 euro;
  • 1/7 per importi da 2.000 a 5.000 euro;
  • 1/5 per importi oltre i 5.000 euro.

Per le pensioni, le indennità che tengono luogo della pensione, o altri assegni di quiescenza, tali somme sono del tutto impignorabili fino ad un ammontare pari all'importo dell'assegno sociale aumentato della metà.

Il mancato rispetto dei detti limiti rende il pignoramento inefficace per la parte in eccedenza e tale vizio può essere contestato mediante opposizione all'opposizione (trattandosi di beni non pignorabili).

Omesso avviso ex articolo 50 del D.P.R. n. 602/73

L'articolo 50, secondo comma, del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73 se è trascorso più di un anno dalla notifica della cartella di pagamento, l'espropriazione deve essere preceduta dalla notifica di un avviso che contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro cinque giorni.

In mancanza, il pignoramento può essere annullato mediante opposizione agli atti esecutivi.

Mancato rispetto del termine di sessanta giorni dalla cartella

Il pignoramento non può essere iniziato prima che siano decorsi sessanta giorni dalla notifica della cartella, ai sensi dell'articolo 50, primo comma, del Decreto del Presidente della Repubblica n. 602/73.

Anche in questo caso, il contribuente può proporre opposizione agli atti esecutivi.

Leggi anche

  1. Nuova direttiva Equitalia dell'8 giugno 2010: più tempo per opporsi al pignoramento presso terzi.

  2. L'Agente della riscossione deve indicare nell'avviso di iscrizione ipotecaria i termini per l'opposizione e il giudice competente, a pena di nullità

  3. Le cartelle esattoriali riguardanti sanzioni amministrative possono essere impugnate ai sensi della Legge n. 689/1981 solo se il verbale di accertamento non è mai stato notificato