Infortuni sul lavoro: violazione delle norme antinfortunistiche e colpa del datore

Il datore di lavoro è responsabile dell'infortunio occorso al lavoratore ogni volta che non abbia rispettato le norme antinfortunistiche, purchè sussista il nesso causale

In materia di infortuni sul lavoro, il datore è ritenuto responsabile del delitto di lesioni colpose tutte le volte che l'evento dannoso sia ricollegabile all'inosservanza della normativa antinfortunistica, ai sensi degli articoli 40 e 41 del Codice penale.

In particolare, nel caso esaminato dal Tribunale di Campobasso, con sentenza del 27 marzo 2017, n. 172, il datore di lavoro è stato condannato per il delitto di cui all'articolo 590 del Codice penale (lesioni colpose) a seguito di un infortunio subito dal lavoratore che si era fratturato il piede durante lo scarico della merce.

La colpa del datore di lavoro era consistita nel non aver elaborato il documento di valutazione dei rischi previsto dall'articolo 17 del Decreto Legislativo n. 81/2008 e nell'aver assegnato alla mansione di scarico un lavoratore privo di adeguata formazione e informazione sulle misure di protezione.

A tal proposito, si ricorda anche l'orientamento univoco della giurisprudenza di legittimità secondo cui il datore di lavoro è tenuto sia ad adottare le idonee misure protettive, sia ad accertare e vigilare che di queste misure venga effettivamente fatto uso da parte del dipendente, non potendo attribuirsi alcun effetto esimente all'eventuale concorso di colpa del lavoratore, laddove l'imprenditore abbia comunque violato le norme antinfortunistiche (Cassazione, sentenza del 16 aprile 2013, n. 9167).

La responsabilità del datore di lavoro può essere esclusa solo laddove questi abbia rispettato le norme sulla sicurezza e d'altra parte il lavoratore abbia posto in essere una condotta "esorbitante" o "abnorme".

Leggi anche

  1. Il rappresentante legale di un'impresa non è responsabile penalmente dell'infortunio occorso al lavoratore, in presenza di una dettagliata delega di funzioni

  2. Il giudice penale può infliggere al condannato come pena accessoria quella della decadenza o della sospensione della potestà genitoriale

  3. Il reato di falso in bilancio, o meglio il reato di false comunicazioni sociali, alla luce delle novità introdotte dal D.lg. 61 del 2002.