Coppie di fatto: escluso il diritto alla restituzione di quanto versato al compagno

In tema di coppie di fatto, il convivente che abbia versato somme al partner non ha il diritto di chiederne la restituzione alla cessazione della convivenza

La Cassazione si è recentemente espressa in materia di coppie di fatto con la sentenza del 22 gennaio 2014, n. 1277, con la quale ha ribadito il principio secondo cui le eventuali attribuzioni patrimoniali fatte al compagno convivente non possono essere richieste indietro al momento della cessazione del rapporto.

Secondo la Cassazione, infatti, tali attribuzioni rappresentano l'adempimento di un "dovere morale e sociale" all'interno della coppia di fatto.

Laddove vi sia un consolidato rapporto affettivo - precisa la Corte - non possono mancare forme di collaborazione e di assistenza morale e materiale, ed è quindi a tale titolo che devono essere ricondotte le eventuali elargizioni fatte da uno dei conviventi all'altro.

Conseguentemente, non può richiedersi la restituzione di tali elargizioni, in quanto l'articolo 2034 del Codice civile esclude la ripetizione di quanto sia stato dato in adempimento appunto di doveri morali e/o sociali.

Resta salva la possibilità per le coppie di fatto di stipulare un contratto di convivenza, che preveda la possibilità e i criteri di ripartizione degli oneri economici sostenuti, in caso di cessazione della convivenza.

Leggi anche

  1. Chi versa in stato di bisogno può chiedere gli alimenti ai propri congiunti e, in via cautelare, l'assegno provvisorio previsto dall'articolo 446 del Codice civile

  2. Se i coniugi sono in regime di separazione dei beni, la moglie non può rivendicare la comproprietà dell'immobile costruito sul terreno di proprietà del marito

  3. In caso di divorzio, l'ex coniuge ha diritto al 40% del TFR percepito dall'altro dopo la proposizione della domanda di divorzio.