Misure contro la violenza familiare

In caso di violenza familiare, sono previste delle misure di protezione: allontanamento dalla casa familiare, decadenza o sospensione della potestà genitoriale, addebito della separazione,...

La vittima di violenze familiari può ricorrere al Giudice per ottenere delle misure di protezione, sia in sede civile sia in sede penale.

 

Misure contro la violenza familiare

 

Le misure di protezione contro la violenza nelle relazioni familiari sono state introdotte dalla Legge n. 154 del 4 aprile 2001.

Con tale norma il legislatore è voluto intervenire in tutte quelle situazioni di grave pregiudizio dell’integrità fisica o morale oppure della libertà di un componente qualsiasi del nucleo familiare causata da un altro componente della famiglia, sia essa legittima (ossia fondata sul matrimonio) sia essa di fatto.

La Legge n. 154 prevede una duplice tipologia di interventi operanti in ambito penale e in ambito civile.

In ambito civile la novità principale è rappresentata dall'introduzione dell'ordine di protezione (articoli 342 bis e seguenti del Codice civile).

Va precisato che l’originaria formulazione dell’articolo 342 bis conteneva l'inciso "qualora il fatto non costituisca reato perseguibile d’ufficio". Conseguentemente  accadeva che la tutela apprestata dagli articoli 342 bis e 342 ter del Codice civile venisse esclusa proprio nei casi più gravi, integranti reati procedibili d'ufficio. In tali casi vi era il rischio che il Giudice civile dichiarasse inammissibile il ricorso.

Il legislatore è quindi intervenuto con la legge 6 novembre 2003, n. 304, con cui ha abrogato la locuzione "qualora il fatto non costituisca reato perseguibile d’ufficio" contenuta nell’articolo 342 bis citato.

Grazie a questa correzione, il Giudice civile può ora adottare i provvedimenti di cui all’art 342-ter del Codice civile senza distinzione tra condotte integranti reati procedibili di ufficio o a querela di parte.

Leggi anche

  1. L'assegnazione della casa familiare è opponibile a terzi anche se il provvedimento di assegnazione non è stato trascritto

  2. Il trasferimento dell'assegnatario è causa di revoca del provvedimento di assegnazione.

  3. La disponibilità dei parenti ad accogliere il minore non è sufficiente da sola ad escludere lo stato di abbandono, presupposto della dichiarazione di adottabilità del minore stesso