Trasporto in collettame

La definizione di trasporto in collettame secondo il decreto ministeriale 30 giugno 2009 - esclusione delle tariffe minime

Per "trasporto in collettame" si intende quella tipologia di trasporto che avviene mediante un unico veicolo, contenente partite commissionate da diversi mittenti, ciascuna di peso inferiore a 50 quintali.

Questa è la definizione data dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con decreto ministeriale del 30 giugno 2009, articolo 4.

Ai fini della prova della tipologia di trasporto (in collettame), il decreto richiede idonea documentazione.

I trasporti in collettame sono esentati dalla compilazione della scheda di trasporto, ai sensi del citato articolo 4 decreto ministeriale del 30 giugno 2009.

Esclusione delle tariffe minime

Si ritiene che  i trasporti in collettame non sono soggetti all'applicazione delle "tariffe minime" di cui all'articolo 83 bis Legge n. 133/2008.

Va precisato che l'esclusione delle tariffe minime per i trasporti in collettame non è prevista espressamente dalla normativa vigente.

Essa tuttavia si ricava dall'oggettiva impossibilità di calcolare, per questo tipo di trasporto e secondo i parametri stabiliti dalle tabelle ministeriali, il costo minimo di esercizio per la singola partita commissionata da ciascun mittente.

Nei trasporti a collettame, infatti, il corrispettivo viene calcolato in base al singolo collo (rapportato al peso o al volume) commissionato dal mittente, valutato su una tratta standardizzata, senza riferimento ai chilometri effettivi.

I parametri indicati nelle tabelle ministeriali, invece, fanno riferimento al carico completo a favore di un unico destinatario conteggiato su una data percorrenza chilometrica.

In base a questi parametri, quindi, non sarebbe possibile determinare un costo chilometrico minimo per un determinato collo soggetto a collettame.

Per questa ragione, nei trasporti a collettame la determinazione del corrispettivo deve essere lasciata alla libera determinazione delle parti.

Leggi anche

  1. In tema di sanzioni amministrative, se l'infrazione è reiterata, si applica il cumulo e non la continuazione delle sanzioni

  2. In caso di occupazione abusiva di un immobile, il proprietario ha sicuramente diritto al risarcimento del danno per il solo fatto di essere stato privato della disponibilità dell'immobile

  3. In materia di usucapione, è necessario dimostrare in giudizio sia il possesso continuato ed ininterrotto per il termine di legge, sia l'animus possidendi.