Sinistri stradali e rimborso spese

In caso di sinistro, l'Assicurazione deve rimborsare, tra le altre, anche le spese legali, l'IVA ed il danno da fermo tecnico del veicolo.

Con una recentissima sentenza la Corte di Cassazione ha affermato l'obbligo per le Imprese di Assicurazione di rimborsare le spese legali sostenute in funzione dell'attività di esercizio stragiudiziale del diritto al risarcimento del danno (Cassazione, sentenza del 21 gennaio 2010, n. 997).

Ciò in forza del consolidato principio giurisprudenziale, di ordine generale, in ragione del quale il risarcimento del danno da fatto illecito ha la funzione di riportare il patrimonio del danneggiato nello stesso stato in cui si sarebbe trovato senza l'evento lesivo (Cassazione, sentenza del 27-01-2010, n. 1688; Cassazione, sentenza del 5 luglio 2002, n. 9740).

È stato, inoltre, ribadito, il seguente principio di diritto: “In caso di sinistro stradale, qualora il danneggiato abbia fatto ricorso all'assistenza di uno studio di assistenza infortunistica stradale ai fini dell'attività stragiudiziale diretta a richiedere il risarcimento del danno asseritamente sofferto al responsabile ed al suo assicuratore, nel successivo giudizio instaurato per ottenere il riconoscimento del danno, la configurabilità della spesa sostenuta per avvalersi di detta assistenza come danno emergente non può essere esclusa per il fatto che l'intervento di detto studio non abbia fatto recedere l'assicuratore dalla posizione assunta in ordine all'aspetto della vicenda che era stato oggetto di discussione e di assistenza in sede stragiudiziale, ma va valutata considerando, in relazione all'esito della lite su detto aspetto, se la spesa sia stata necessitata e giustificata in funzione dell'attività di esercizio stragiudiziale del diritto al risarcimento” (Cassazione, sentenza del 21 gennaio 2010, n. 997).

Per le stesse ragioni è stato riconosciuto il diritto al rimborso dell'IVA, a meno che il danneggiato, per l'attività svolta, abbia diritto al rimborso o alla detrazione dell'IVA versata.

Deve pure essere risarcito il cosiddetto danno da fermo tecnico subito dal proprietario dell'autovettura danneggiata a causa della impossibilità di utilizzarla durante il tempo necessario alla sua riparazione.

Tale danno deve essere risarcito anche in assenza di prova specifica in ordine al medesimo, in quanto l'unica circostanza rilevante a tal fine è che il danneggiato sia stato privato del veicolo per un certo tempo, anche a prescindere dall'uso effettivo a cui esso era destinato.

Va considerato, del resto, che l'autoveicolo, anche durante la sosta forzata, è comunque fonte di spesa per il proprietario (tassa di circolazione, premio di assicurazione) ed è altresì soggetta ad una naturale svalutazione (Cassazione, sentenza del 9 novembre 2006, n. 23916).

In mancanza di prova specifica, il danno da fermo tecnico potrà essere liquidato in via equitativa.

Leggi anche

  1. Il danneggiato che, a seguito di un sinistro stradale, si faccia assistere da un legale di fiducia, ha diritto di ottenere dall'impresa di assicurazione il rimborso delle spese legali anche se non sono trascorsi sessanta giorni dalla richiesta di risarcimento.

  2. Sinistri stradali: procedura per il risarcimento del danno

  3. In caso di nuove lesioni emerse successivamente ad un sinistro stradale, il termine di prescrizione per il risarcimento del danno decorre dal loro manifestarsi.