Separazione tra coniugi: permanenza dei benefici fiscali

I benefici fiscali legati alla "prima casa", permangono in caso di separazione dei coniugi

In tema di benefici fiscali collegati all’acquisto della prima casa, la Cassazione ha affermato che, al verificarsi della separazione legale, la comunione tra coniugi di un diritto reale su un immobile deve essere equiparata alla contitolarità indivisa dei diritti sui beni tra soggetti tra loro estranei (Cassazione, sentenza del 19 febbraio 2014, n. 3931).

Conseguentemente, essa è compatibile con le agevolazioni fiscali, in quanto i coniugi, per effetto della quota di spettanza, hanno la facoltà di usare il bene comune, senza poter impedire all'altro “di farne parimenti uso”, così come prevede, in tema di comunione ordinaria, l'articolo 1102 del Codice civile.

La casa, comunque in comunione, non può quindi essere destinata ad abitazione di uno solo dei comproprietari, per cui la titolarità di una quota è simile a quella di un immobile inidoneo a soddisfarne le esigenze abitative.

Leggi anche

  1. L'assegno di mantenimento, stabilito in sede di separazione o divorzio, è deducibile dal reddito

  2. Se i coniugi sono in regime di separazione dei beni, la moglie non può rivendicare la comproprietà dell'immobile costruito sul terreno di proprietà del marito

  3. In materia di separazione e divorzio, è ammessa l'assegnazione della casa coniugale ad entrambi i coniugi