Riforma della filiazione: in vigore dal 7 febbraio

Dal 7 febbraio 2014 sarà in vigore la riforma della filiazione ai sensi del Decreto Legislativo del 28 dicembre 2013, n. 154, in attuazione della Legge delega n. 219/2012

Il 7 febbraio entrerà il vigore il Decreto Legislativo del 28 dicembre 2013, n. 154,  che attua la delega contenuta nell'articolo 2 della Legge 10 dicembre 2012, n.219 “Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali” , secondo cui il Governo doveva emanare, entro il 1° gennaio 2014, le disposizioni necessarie al fine di eliminare ogni discriminazione tra i figli, anche adottivi, nel rispetto dell'articolo 30 della Costituzione.

Il provvedimento ha lo scopo di garantire la completa eguaglianza giuridica tra figli nati nel matrimonio e fuori dal matrimonio e comporta modifiche al codice civile, al codice penale, ai codici di procedura civile e penale e alle leggi speciali in materia di filiazione.

Di seguito indichiamo le principali novità:

  • si introduce il principio dell’unicità dello stato di figlio, anche adottivo, e si eliminano dalle norme i riferimenti ai figli “legittimi” e ai figli “naturali”, sostituendoli con quello di “figlio”;
  • si introduce il principio per cui la filiazione fuori dal matrimonio produce effetti successori nei confronti di tutti i parenti e non solo con i genitori;
  • viene sostituita la nozione di “potestà genitoriale” con quella di “responsabilità genitoriale”;
  • vengono modificate le disposizioni di diritto internazionale privato, in attuazione del principio dell’unificazione dello stato di figlio.
  • si introduce il diritto degli ascendenti di mantenere “rapporti significativi” con i nipoti minorenni;
  • è stata disciplinata la procedura di ascolto dei minori, se capaci di discernimento, all’interno dei procedimenti che li riguardano;
  • è stato portato a dieci anni il termine di prescrizione per l’accettazione dell’eredità per i figli nati fuori dal matrimonio;
  • in materia di successione, è stato soppresso il “diritto di commutazione” in capo ai figli legittimi fino ad oggi previsto per l’eredità dei figli naturali.

 

Leggi anche

  1. In caso di "abusi familiari", il Giudice può adottare un ordine di protezione solo in caso di "grave pregiudizio", fisico o morale.

  2. In caso di divorzio, l'ex coniuge ha diritto al 40% del TFR percepito dall'altro dopo la proposizione della domanda di divorzio.

  3. In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle.