Rifiuti: obbligo di verifica e responsabilità penale del produttore

In materia di rifiuti, il produttore è penalmente responsabile se non verifica l'affidabilità e le autorizzazioni in capo al soggetto al quale conferisce i rifiuti per lo smaltimento

In tema di gestione dei rifiuti, l'affidamento di rifiuti a soggetti terzi al fine del loro smaltimento comporta per il soggetto che li conferisce precisi obblighi di accertamento.

In particolare, il produttore dei rifiuti deve verificare l'affidabilità del terzo nonchè l'esistenza in capo al medesimo delle necessarie autorizzazioni e competenze per l'espletamento dell'incarico.

La violazione di tale obbligo di verifica comporta la responsabilità penale per il reato di cui all'articolo 256, comma 1, lettera a), del Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, per il mancato controllo a titolo di culpa in eligendo.

Questi principi sono stati affermati da una recente sentenza della Cassazione (sentenza del 1 ottobre 2013, n. 40596), che ha condannato l'imputato per avere smaltito rifiuti presso una discarica priva di autorizzazione perché scaduta, evidenziando come l'imputato avrebbe dovuto informarsi in modo rigoroso sulla validità dell'autorizzazione, avente comunque durata temporanea, senza limitarsi a fare affidamento sulle assicurazioni del titolare della discarica.

Leggi anche

  1. Se manca il consenso informato del paziente ma l'intervento ha avuto un esito positivo, non sussiste la penale responsabilità del medico.

  2. Il rappresentante legale di un'impresa non è responsabile penalmente dell'infortunio occorso al lavoratore, in presenza di una dettagliata delega di funzioni

  3. I Rumeni che hanno violato l'ordine di allontanamento del questore prima del 01 gennaio 2007 sono tuttora penalmente responsabili, anche se la Romania è entrata nell'Unione europea.