Revoca della patente: almeno due anni per conseguirne una nuova

In caso di revoca della patente, il termine minimo per conseguirla (oggi due anni) decorre da quando il provvedimento di revoca è diventato definitivo

In materia di revoca della patente di guida, l'articolo 219, comma 3 bis, del Codice della Strada, prevede che l'interessato non può conseguire una nuova patente se non dopo che siano trascorsi almeno due anni dal momento in cui è divenuto definitivo il provvedimento con cui è disposta la revoca (il termine minimo è di tre anni se la revoca consegue ad una condanna per i reati previsti dagli articoli 186, 186-bis e 187 del Codice della strada o nei casi di cui all'articolo 120, comma 2, del Codice della strada).

Gli uffici della motorizzazione hanno sollevato numerosi dubbi in ordine alle modalità per il conseguimento di un nuovo documento di guida, specie con riferimento all'individuazione del momento iniziale, da cui devono decorrere i due anni.

Sul punto, è intervenuto il Ministero dell'Interno, che ha fornito chiarimenti in merito con nota del 29 aprile 2009, n. 2079.

In particolare, dopo aver richiamato l'esclusività della cognizione del giudice ordinario nelle impugnative di cui trattasi, per quanto attiene alla decorrenza del termine da cui calcolare l'anno per il conseguimento del nuovo documento di guida il predetto Ministero è dell'avviso che "ove non sia stato presentato ricorso, la definitività del provvedimento si consegua a partire dal giorno successivo all'ultimo utile per l'impugnazione del provvedimento prefettizio, regolarmente notificato; in caso contrario dalla scadenza del termine per la presentazione dell'impugnazione contro la eventuale sentenza sfavorevole al ricorrente, qualora questi abbia fatto opposizione all'ordinanza prefettizia dinanzi al giudice ordinario".

Pertanto, in caso di revoca della patente di guida disposta dal Prefetto quale sanzione amministrativa accessoria, il termine da cui calcolare l'anno per il conseguimento del nuovo documento di guida decorre:

  • qualora non sia stato presentato ricorso: dal giorno successivo all'ultimo utile per l'impugnazione del provvedimento prefettizio regolarmente notificato;
  • qualora sia stata fatta opposizione all'ordinanza prefettizia dinanzi al giudice ordinario: dalla scadenza del termine per la presentazione dell'impugnazione contro la eventuale sentenza sfavorevole al ricorrente.

Leggi anche

  1. La garanzia di conformità è valida per due anni. Per i beni usati (es. auto usate) le parti possono ridurre la garanzia ad un solo anno.

  2. L'ammissione al patrocinio a spese dello Stato ("gratuito patrocinio") è revocata d'ufficio se migliorano le condizioni economiche dell'interessato

  3. Secondo la tesi prevalente, il giudizio di scioglimento e divisione della comunione ha natura dichiarativa.