Occupazione abusiva: diritto al risarcimento del danno

In caso di occupazione abusiva di un immobile, il proprietario ha sicuramente diritto al risarcimento del danno per il solo fatto di essere stato privato della disponibilità dell'immobile

Con una recentissima sentenza, il Tribunale di Milano ha riconosciuto che l'occupazione abusiva di un immobile altrui determina automaticamente un danno a carico del proprietario, senza necessità di una prova specifica in tal senso.

Trattandosi di bene produttivo, quale è un cespite immobiliare, il danno deve intendersi in re ipsa, in quanto discende dalla perdita della disponibilità del bene e dall'impossibilità di conseguire l'utilità dallo stesso ricavabile in relazione alla natura normalmente fruttifera di esso, per cui non è necessario, in concreto, far luogo alla dimostrazione del pregiudizio effettivamente subito in termini di perdita dell'opportunità di locare l'immobile, con riferimento a concrete proposte ricevute da potenziali locatari.

Il pregiudizio nei termini predetti, pertanto, può essere determinato dal giudice in via equitativa, avuto riguardo al valore locativo del bene usurpato (Tribunale di Milano, sentenza del 11 luglio 2013, n. 9907).

 

Leggi anche

  1. Se un condomino realizza opere che rappresentano sia un abuso edilizio sia un danno per le parti comuni, è irrilevante la sanatoria

  2. Presupposti per il riconoscimento del diritto al rimborso.

  3. Se su un bene coesistono il diritto di usufrutto pro quota e il diritto di proprietà, è possibile chiedere lo scioglimento della sola comunione di godimento