Obblighi contributivi del lavoratore autonomo: competenza territoriale

In materia di obblighi contributivi di un lavoratore autonomo, è competente il Tribunale del lavoro ove risiede l'attore

La controversia inerente agli obblighi contributivi facenti capo ad un lavoratore autonomo rientra nella competenza del Tribunale, in funzione di Giudice del lavoro, nella cui circoscrizione risiede l'attore, ai sensi dell'articolo 444, comma 1, del Codice di procedura civile.

Va precisato che il terzo comma dell'articolo 444, che prevede la competenza territoriale del Tribunale ove ha sede l'ufficio dell'ente creditore, non è suscettibile di applicazione estensiva o analogica, trattandosi di norma eccezionale e, come tale, non applicabile all'infuori dei casi in essa espressamente previsti (Cassazione, ordinanza del 9 novembre 2004, n. 21317).

Leggi anche

  1. Il socio amministratore di una srl deve iscriversi sia alla Gestione soci s.r.l. sia alla Gestione separata, se lavora abitualmente nella società e contestualmente percepisce compensi come amministratore

  2. Il lavoratore che subisce un infortunio sul lavoro ha diritto al risarcimento del danno non indennizzato dall'INAIL

  3. È legittimo il licenziamento anche di un solo lavoratore in seguito alla messa in mobilità del personale in esubero da parte di una azienda che ha fatto ricorso alla CIGS.