Notifica della cartella: non basta depositare la copia della relata

Per dimostrare l'avvenuta notifica della cartella, l'Equitalia deve depositare anche l'originale o la copia della cartella con la relata in calce

Se il contribuente eccepisce in giudizio la mancata notifica della cartella esattoriale, è onere dell'Agente della riscossione dare la prova dell'avvenuta notifica.

In proposito la Commissione tributaria provinciale di Foggia ha ritenuto insufficiente, al fine di dimostrare la notifica, la produzione in giudizio della fotocopia della relata (Commissione tributaria provinciale di Foggia, sentenza del 07 gennaio 2010, n. 4).

Queste fotocopie, infatti, attestano solo che quel determinato foglio, contenente la relata, è stato consegnato al contribuente ma non possono attestare quali e quanti fogli siano stati consegnati.

Secondo i giudici tributari di Foggia sarebbe, quindi, necessario produrre l'originale oppure la copia dell'originale della cartella con allegata la relata di notifica in calce.

La Commissione tributaria richiama al riguardo l'articolo 148 del Codice di procedura civile, secondo cui la relata va apposta sia sull'originale che sulla copia in calce all'atto da notificare (tale norma è pacificamente applicabile alle notifiche delle cartelle in base al richiamo espresso che l'articolo 26, ultimo comma, del D.P.R. n. 602/1973 fa all'articolo 60 del D.P.R. n. 600/1973).

Leggi anche

  1. Se il contribuente contesta in giudizio l'omessa notifica della cartella esattoriale, l'Agente della riscossione ha l'onere di provare l'avvenuta notifica, producendo la relata di notifica e la copia della cartella stessa.

  2. La procedura ed i termini per la riscossione dei crediti previdenziali: dall'avviso bonario alla notifica della cartella esattoriale

  3. La procedura ed i termini per l'accertamento e la riscossione della TARSU: cinque anni per l'accertamento; tre anni per la notifica della cartella esattoriale.