La rappresentanza e la difesa tecnica del minore: necessità

La rappresentanza e la difesa tecnica sono obbligatorie nel procedimento per la dichiarazione di adottabilità del minore.

Nel procedimento finalizzato alla dichiarazione di adottabilità del minore, deve essere garantita l'assistenza legale del minore stesso.

Quest'ultimo, infatti, è parte del procedimento a tutti gli effetti e, pertanto, devono applicarsi le regole generali sulla rappresentanza in giudizio, non essendoci disposizioni contrarie in tal senso.

Il minore, quindi, sarà rappresentato in giudizio dal genitore esercente la potestà o dal tutore, oppure, in caso di conflitto di interessi, da un curatore speciale.

Questi soggetti provvederanno alla nomina di un difensore per assicurare la rappresentanza tecnica in giudizio. In mancanza, il difensore sarà nominato dal Presidente del Tribunale.

Ad ogni modo, la tardiva costituzione del difensore del minore o la sua mancata assistenza ad uno o più atti del processo non comporta automaticamente la nullità degli atti compiuti, a meno che non venga dimostrato un concreto pregiudizio per il minore derivante dalla tardiva costituzione o dalla mancata assistenza tecnica (Cassazione, sentenza del 19 luglio 2010, n. 16870).

Leggi anche

  1. La disponibilità dei parenti ad accogliere il minore non è sufficiente da sola ad escludere lo stato di abbandono, presupposto della dichiarazione di adottabilità del minore stesso

  2. Nozione di residenza abituale del minore: affidamento e provvedimento cautelare di presa in carico del minore al di fuori della famiglia

  3. Non è legittimo il decreto di idoneità all'adozione che faccia riferimento all'etnia dei minori adottandi