La prescrizione dei crediti di lavoro

I diritti dei lavoratori (retribuzione, tfr, risarcimento per mancato versamento dei contributi, etc.) vanno esercitati entro certi termini di prescrizione, altrimenti si estinguono

Il lavoratore deve agire per la tutela dei propri diritti entro determinati temini di prescrizione, stabiliti dalla legge.

Se il lavoratore rimane inerte, una volta decorso il termine di prescrizione, il diritto "si estingue".

Va precisato che se il lavoratore agisce in giudizio dopo che sia decorso il termine di prescrizione, sarà comunque onere del datore di lavoro eccepire l'avvenuta prescrizione. Se il datore solleva tempestivamente l'eccezione di prescrizione, il ricorso del lavoratore verrà rigettato. Qualora tuttavia il datore non sollevi tempestivamente tale eccezione, la domanda del lavoratore potrà essere accolta, se il suo diritto risulterà fondato nel merito.

La legge prevede i seguenti termini di prescrizione:

  • cinque anni per i crediti aventi natura retributiva (retribuzione mensile, quindicinale, settimanale oppure per le mensilità aggiuntive), in base all’articolo 2948 del Codice civile;
  • cinque anni per i crediti relativi alle indennità derivanti dalla cessazione del rapporto di lavoro e per il credito derivante dalle differenze retributive spettanti per la qualifica superiore (Cassazione, sentenza del 6 aprile 2005, n.7116);
  • dieci anni per far valere diritti relativi al passaggio di qualifica ed al diritto al risarcimento del danno contrattuale ivi compreso il diritto al risarcimento del danno per omesso versamento contributivo totale o parziale;
  • dieci anni per le erogazioni una tantum.

Leggi anche

  1. Non si prescrive l'azione di accertamento del rapporto di lavoro subordinato

  2. Il committente è responsabile in solido con l'appaltatore anche dopo la cessazione dell'appalto per i trattamenti retributivi dovuti al lavoratore, purchè vi sia un nesso causale tra il credito del lavoratore e l'appalto

  3. È giusta causa di licenziamento quella che fa venir meno il rapporto di fiducia e che, pertanto, non consente la prosecuzione anche provvisoria del rapporto di lavoro.