Iscrizione ipotecaria: insufficienza dell'estratto di ruolo

Illegittima l'iscrizione ipotecaria se l'Equitalia ha depositato al Conservatore il solo "estratto di ruolo"

L'articolo 77 del D.P.R. n. 602/1973 impone che per procedere all'iscrizione dell'ipoteca l'Agente della riscossione deve produrre al Conservatore il ruolo, che ai sensi dell'articolo 12 dello stesso decreto costituisce il titolo esecutivo, o altrimenti deve produrre la copia conforme dello stesso.

Ne consegue che l'iscrizione dell'ipoteca non può legittimamente essere eseguita se al Conservatore sia stato prodotto il semplice "estratto di ruolo", che è cosa diversa dal ruolo.

Ne consegue, pertanto, che l'iscrizione ipotecaria è illegittima iqualora l'Equitalia non abbia prodotto al Conservatore il ruolo o  copia conforme delo ruolo, bensì dei semplici "estratti di ruolo", che sono cosa diversa (in tal senso: Commissione tributaria provinciale di Foggia, sentenza del 07 gennaio 2010, n. 4).

In proposito l'articolo 1 del D.M. n. 321/1999 evidenzia che il ruolo deve contenere ulteriori informazioni, rispetto al semplice estratto di ruolo, tra cui la più importante è la motivazione della richiesta ovvero il riferimento all'atto propedeutico. Tali informazioni negli estratti di ruolo sono assenti.

Si segnala anche la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Bari, secondo cui non è sufficiente che l'Agente della riscossione presenti al Conservatore il risultato di una interrogazione telematica, essendo invece necessario - per tale Commissione - l'estratto del ruolo in copia autentica (sentenza del 14 ottobre 2009, n. 195).

Leggi anche

  1. Nell'ambito del processo tributario, l'estratto di ruolo può essere impugnato autonomamente o solo insieme alla cartella esattoriale?

  2. L’Agente della Riscossione ha l’obbligo di comunicare l’iscrizione ipotecaria entro 90 giorni, pena l’illegittimità dell’iscrizione stessa.

  3. L'Agente della riscossione deve indicare nell'avviso di iscrizione ipotecaria i termini per l'opposizione e il giudice competente, a pena di nullità